Empatia

L’empatia per chi soffre
brilla i miei occhi
e vibra la voce,
sale dentro me
come acqua nei polmoni,
se solo fosse così facile
se solo potessi
passare la gioia,
il rispetto e l’amore
per la vita
con un sorriso
come quello d’un bimbo
o col tocco leggero d’una mano
su tutti gli occhi ancora chiusi
come quello d’un sogno.
Abbi il coraggio d’essere
ancora quel bimbo divertito
che scopre il mondo intorno a sé.

Angelo
(21-Marzo-2020)

Torna all’Home

Universale

La paura fa erigere muri
sbarra le vie
disegna frontiere
divide e pone limiti,
non regole.
La paura fa correre, svuotare, riempire
fa calpestare e ignorare
per poi ancora nascondersi nella tana.
La paura ha in mano il bastone
e vive nelle caverne
in un attimo
può assumere il volto
d’ognuno di noi,
ma teme l’amore.
Non quello misero per i propri averi
né quello per se stessi
che hanno generato
la paura stessa
e neanche quello limitato
ai soli propri cari.
No,
la paura teme
un amore che non ha eguali
ancora più grandioso e potente,
l’amore universale
il solo a poter vincere
perché senza nemici
i cui confini sono a forma di cuore
dove mio e tuo non esistono
e tu e io sono la stessa cosa.

Un abbraccio universale (8)

Angelo
(18-Marzo-2020)

Torna all’Home

 

Ancora uno

Non ce la faccio più
poi un altro giorno
e non capisco come possa
averne sopportato ancora uno.
Una passeggiata in punta di piedi
sulle piccole note tremolanti
d’un’apparente timido pettirosso
che gioca a nascondino
col sole nei miei occhi
pronto a difendere il suo cespuglio
lui che non vive nei rovi.
Con quei grandi occhi
annuncia l’arrivo
d’un altro giorno.
Il sorriso
per averne avuto
ancora uno.

Angelo
(18-Febbraio-2020)

Torna all’Home

Vicolo cieco

Non si può
predicare il valore della famiglia
se poi viene vietata,
non si può
predicare l’uguaglianza
se poi si discrimina per sesso,
non si può
predicare la libertà e l’amore
se poi non si può
essere liberi d’amare.
Non è questa la via
che era stata indicata,
la via dell’amore
non è un vicolo cieco.

Angelo
(13-Febbraio-2020)

Torna all’Home

Tempesta

Punte di mano
sfiorano
scappano
dal brivido
rincorse
come nuvole dal vento
raggiunte
quando ormai ferme
afferrano con mano piena
stringono
strizzano
incredule
quella nivura nube
racchiusa tra mani
carica d’emozioni
da voler solo alleggerire
se stessa
lasciandosi andare
scatenando la tempesta
annunciata da quei battiti
resi sempre più forti
e da mani come lampi
che danno luce e forma
esplorano e avvolgono
in quel tenero abbraccio
tempesta d’amore.

Angelo
(13-Aprile-2019)

Torna all’Home

Mano nella mano

La mia mano destra
intrecciata alla tua sinistra,
la mia mano sinistra
intrecciata alla tua destra,
i miei occhi
che ti sfiorano
e anticipano
naso, bocca
baci,
l’odore di te
dentro di me
l’odore di me
dentro di te
la distanza tra noi
voluta
alternata
solo per guardarti.

Angelo
(22-Marzo-2019)

Torna all’Home

Inerte

Nessuna parola può fermare
l’energico fluire
d’un legno alla deriva
senza possibilità alcuna d’ancorarsi
che prosegue rimbalzando
su sponde e rocce sporgenti
accusando i colpi
senza riuscire a fermarsi
inutili le vane parole
che come piccole pietre
son lanciate vicino,
ma affondano nell’acqua
senza scalfire
senza deviare
senza impedire
lo fluire inerte
di colui che del suo passaggio
non ha profondità alcuna.

Angelo
(15-Giugno-2017)

Torna all’Home

Amore ostinato

La luce che mi sospinge
verso soffici colli e valli profumate
e il vento che mi frena
a contemplar l’ombra propria
solo l’amor può elevar quegli occhi
oltre l’oscurità vicina
solo l’amor può muovere i passi
nel lento cammino,
inesorabile
senza curarsi dell’affanno
ostinato perseverare
nel lacerante cammino
d’un amore ostinato.

Angelo
(31-Gennaio-2017)

Torna all’Home

Lo crisantemo

La gelida fermezza ancora una volta
ad impedirmi ogni iniziativa
lo lancio di sguardi,
ma nient’altro
non una parola
possibile che non riesca
possibile che non abbia mai
quella sfrontata follia
quella gioiosa sfacciataggine
possibile che preferisca aspettare
di vederla sparire
piuttosto che rivolgerle
una futile parola
forse non tanto lo diniego,
ma la più terribile paura dello sì
mi gela
quella giusta
solo quella giusta
romperà ogni indugio
e la chioma dello fiore mio vicino
mi si palesa nel color suo naturale
rosso crisantemo.

Angelo
(24-Luglio-2013)

Torna all’Home